“È che tu ti stanchi, ti stanchi delle persone”

Mia madre periodicamente esce uno dei miei ex o dei miei amici e mi chiede: “Ma come sta? Ma come mai non è andata tra voi?”. Quello di cui mi ha chiesto oggi è una persona meravigliosa. Gli voglio un gran bene.

Le rispondo: “Sta bene. Mamma, sai, siamo così, tutti e due, non eravamo cosa di stare insieme”.

Lei: “Peccato…”

Io: “Peccato… Peccato no, insomma, pazienza. Era perfetto ma ci siamo fatti prendere da altro, non è andata, non poteva e non può andare. Gli voglio bene e basta”.

Lei: “È che tu ti stanchi”.

Io mi stanco? Io non ho mai lasciato una persona per stanchezza. Io ho sempre lasciato per disillusione, per delusione, perché la mia fiducia è stata tradita. O perché sia io che lui avevamo problemi che non riuscivamo a condividere, ci siamo fatti prendere da altro fuori da “noi”. Perché tutti, pure mia madre, pur sapendo esattamente come sono andate le cose di volta in volta, mi dicono “Tanto poi tu sei così, ti stanchi”?

Non è che se non porto il lutto vuol dire che non soffro. Così come piango in silenzio, amo in silenzio. E anzi è proprio quando taccio che amo e soffro di più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...