Una stanza in penombra

Una stanza in penombra, l’unica luce presente è quella del sole al tramonto che filtra attraverso le persiane sul pavimento. Ogni striscia di luce è più stretta della precedente e più larga di quella che segue, poi il pellegrinaggio luminoso sale a sinistra su una sedia di ciliegio e colpisce un corsetto di pizzo nero con nastri di raso rosso, a terra una giacca blu, un gilet rossastro e pantaloni bianchi. Il pellegrinaggio curva un po’ verso destra e avvolge i corpi di un uomo e una donna, distesi su un grande letto a baldacchino con lenzuola e tende color porpora.
Una nuvola di fumo che riflette il colore del sole sorvola i due amanti. Lei si alza per rivestirsi, lui spegne il mozzicone di cubano nel posacenere sul tavolino da fumo.
“Il marinaio migliore che mi sia toccato da quando sono qui! E ti assicuro che ne sono passati tanti.”
“Grazie, ma non ci tenevo a saperlo.”
“Volevo dirtelo perché sei stato il più gentile e il più passionale insieme. Gli altri mi usano come uno straccio per lucidare scarpe e mi tocca anche fingere.”
“Carina, non ti starai innamorando!”
“No marinaio, non sono così stupida da innamorarmi di un uomo che ha un’altra in testa. E non dimenticarti come mi guadagno da vivere!”
La donna si stava riallacciando il corsetto. Il Capitano però non aveva ancora finito con lei e gli bastò tirare uno dei nastri rossi che le fasciavano la schiena per richiamarla a se.
Iniziò ad allentare tutti quei passanti come se stesse snocciolando un rosario, quello del suo piacere.
Quando l’operazione fu portata a termine, il marinaio fece scivolare l’indice su quel dolce pendio, dalla nuca al fondoschiena, e la puttana si lasciò sfuggire un gemito.
La stava prendendo quando si rese conto che nella stanza c’era qualcun altro: Liù Miù il Persiano.
Era entrato silenzioso come silenziosi i fasci di luce stavano andando via.
I suoi occhi arancioni divennero d’oro illuminati dal sole e le sue movenze delicate, attraverso la porta e poi sotto la sedia, facevano da eco a quelle della donna.
Il Capitano si sentì più nudo di quanto già non fosse.
Quel gatto lo inquietava.
Voleva cacciarlo via ma non osava tirargli addosso il cuscino.
Glielo chiese gentilmente, occhi negli occhi: “Per favore, vai via. Mi sento in imbarazzo”.
“Sono io ad infastidirti o stai cercando di nasconderti qualcosa?” gli sembrò di capire questo nello sguardo stizzito del gatto che lasciava la stanza.
Il Capitano si spinse ancora più dentro alla donna, ormai in preda all’ennesimo orgasmo di quel pomeriggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...